Ultimi argomenti
» Domenica 22 Novembre 2009-Solennità di Cristo Re
Sab Nov 21, 2009 9:20 pm Da Jacopo

» Domenica 15 Novembre 2009
Sab Nov 14, 2009 9:19 pm Da Jacopo

» Domenica 8 Novembre 2009
Sab Nov 07, 2009 4:24 pm Da Jacopo

» Domenica 1 Novembre 2009-Tutti i Santi
Dom Nov 01, 2009 4:10 pm Da Jacopo

» Domenica 25 Ottobre 2009
Sab Ott 24, 2009 4:48 pm Da Jacopo

» Domenica 18 Ottobre 2009
Dom Ott 18, 2009 1:56 pm Da Jacopo

» Domenica 11 Ottobre 2009
Dom Ott 11, 2009 9:38 pm Da Jacopo

» Domenica 4 Ottobre 2009-San Francesco
Lun Ott 05, 2009 7:26 pm Da Jacopo

» Domenica 27 Settembre 2009
Dom Set 27, 2009 11:54 pm Da Jacopo


Domenica 14 Giugno 2009-Corpus Domini

Andare in basso

Domenica 14 Giugno 2009-Corpus Domini

Messaggio  Jacopo il Dom Giu 14, 2009 4:02 pm

Vangelo

+ Dal Vangelo secondo Marco

Il primo giorno degli Àzzimi, quando si immolava la Pasqua, i discepoli dissero a Gesù: «Dove vuoi che andiamo a preparare, perché tu possa mangiare la Pasqua?». Allora mandò due dei suoi discepoli, dicendo loro: «Andate in città e vi verrà incontro un uomo con una brocca d’acqua; seguitelo. Là dove entrerà, dite al padrone di casa: “Il Maestro dice: Dov’è la mia stanza, in cui io possa mangiare la Pasqua con i miei discepoli?”. Egli vi mostrerà al piano superiore una grande sala, arredata e già pronta; lì preparate la cena per noi». I discepoli andarono e, entrati in città, trovarono come aveva detto loro e prepararono la Pasqua. Mentre mangiavano, prese il pane e recitò la benedizione, lo spezzò e lo diede loro, dicendo: «Prendete, questo è il mio corpo». Poi prese un calice e rese grazie, lo diede loro e ne bevvero tutti. E disse loro: «Questo è il mio sangue dell’alleanza, che è versato per molti. In verità io vi dico che non berrò mai più del frutto della vite fino al giorno in cui lo berrò nuovo, nel regno di Dio». Dopo aver cantato l’inno, uscirono verso il monte degli Ulivi.

Parola del Signore
avatar
Jacopo

Numero di messaggi : 265
Età : 27
Località : Civitella Benazzone
Data d'iscrizione : 24.10.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Dov’è la mia stanza?

Messaggio  Jacopo il Dom Giu 14, 2009 5:03 pm

“Il Maestro dice: Dov’è la mia stanza, in cui io possa mangiare la Pasqua con i miei discepoli?”.
Sta per essere arrestato e ucciso il Maestro.
I suoi non lo sanno, non se ne accorgono, sono troppo concentrati su loro stessi per vedere ciò che sta per succedere.
Gesù, invece, ha ormai piena consapevolezza che tutto volge al termine, che sta per compiere il dono più grande, il dono della sua stessa vita.
Servirà? Capirà, l’uomo, che Dio lo ama liberamente, senza condizioni? Saprà l’uomo, infine, arrendersi all’evidenza di un Dio donato?
Si avvicina la Pasqua: Gesù sa che non riuscirà a celebrarla con i discepoli.
Decide di anticiparla, chiede ospitalità ad uno sconosciuto.
In quella stanza al primo piano, sul monte Sion che sovrasta la città, di fronte al Tempio, Gesù sta per dare l’addio ai suoi discepoli, facendo loro il regalo più grande: la sua presenza eterna.
“Dov’è la mia stanza, in cui io possa mangiare la Pasqua con i miei discepoli?”.


Don Paolo Curtaz
avatar
Jacopo

Numero di messaggi : 265
Età : 27
Località : Civitella Benazzone
Data d'iscrizione : 24.10.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Tiepidezze

Messaggio  Jacopo il Dom Giu 14, 2009 5:05 pm

Dio, il misericordioso, mi ha dato molte gioie nella vita. Una di queste è il potere conoscere molte comunità, sparse nei quattro angoli dell’Italia, e di pregare con loro. Ho partecipato ad assemblee di comunità vivaci, coraggiose, a veglie di preghiera intense, a messe piene di gioia e di emozione.
Raramente.
Più spesso, partecipo a delle messe fiacche, tiepide, distratte, spente, esasperanti.
Quante volte incontro degli amici che, avvicinatisi al Signore, convertiti alla e dalla Parola, faticano a nutrire la propria spiritualità in grandi città piene di chiese e povere di fede!
Quante volte, io stesso, in vacanza, ho partecipato con dolore e insofferenza a celebrazioni raffazzonate, frettolose, senza preghiera!
Gesù, però, sceglie di fare “sue” anche quelle stanze.
Non ha la puzza sotto il naso, il Signore, si adatta.
Ha voluto con sé, nel momento più faticoso della sua vita, i suoi dodici poveri apostoli.
Poveri e fragili come noi, instabili e lunatici come noi.
“Dov’è la mia stanza, in cui io possa mangiare la Pasqua con i miei discepoli?”.


Don Paolo Curtaz
avatar
Jacopo

Numero di messaggi : 265
Età : 27
Località : Civitella Benazzone
Data d'iscrizione : 24.10.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Conversioni

Messaggio  Jacopo il Dom Giu 14, 2009 5:06 pm

Partecipiamo con costanza e forza alle nostre celebrazioni, anche se sbiadite. Se possibile, mettiamoci in gioco per cambiarle, per renderle più gioiose, accoglienti, oranti.
Addobbiamola, la stanza alta, rendiamola accogliente al meglio delle nostre forze e delle nostre possibilità.
Ma se ciò non è possibile, pazienza. Se si adatta Gesù, noi non ci adatteremo?
Viviamo tempi difficili, tempi in cui la fede è messa a dura prova.

Oggi celebriamo il Mistero della presenza reale, concreta, attuale, salvifica di Cristo nell’Eucarestia: il Rabbì si rende accessibile, incontrabile, si fa pane del cammino, diventa cibo per l’uomo stremato.
Rabbrividisco di fronte alla poca fede mia e delle nostre comunità.


Don Paolo Curtaz
avatar
Jacopo

Numero di messaggi : 265
Età : 27
Località : Civitella Benazzone
Data d'iscrizione : 24.10.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Poca fede

Messaggio  Jacopo il Dom Giu 14, 2009 5:09 pm

Il problema è semplice: la nostra fede è poca, ridotta al lumicino.
E allora la Messa è peso, fatica, incomprensione.
Ma se crediamo che il Maestro è presente, al di là della povertà del luogo e delle persone, tutto cambia.
L’Eucarestia diventa il centro della settimana, la Parola celebrata ritornerà in mente durante il lavoro e lo studio.
E l’incontro con Cristo Eucarestia, con questo corpo dato, cambia inesorabilmente il modo di vivere, di pensare, di amare.
È vero: c’è gente che fa il bene senza bisogno di andare a Messa.
Ma per me, cristiano, il Bene deriva dall’incontro con Cristo.
È vero: la preghiera può essere personale.
Ma l’incontro della comunità ci fa sentire ed essere Chiesa.
È vero: non tutte le omelie brillano per attualità e concretezza.
Ma è la Parola al centro, non la sua spiegazione.
È vero: la domenica è il giorno del riposo
Ma il riposo è affare di cuore, non di sonno.
Concludo con una citazione straordinaria dei martiri di Abitene.
Scoperti a celebrare l’Eucarestia, il governatore romano, indulgente, promise loro di avere salva la vita, a patto di non ritrovarsi più. Risposero: “Non possiamo fare a meno di celebrare il giorno del Signore”, e si fecero uccidere.
Animo, resistenti nella fede, il Signore ci chiede di metterci in gioco.
“Dov’è la mia stanza, in cui io possa mangiare la Pasqua con i miei discepoli?”.


Don Paolo Curtaz
avatar
Jacopo

Numero di messaggi : 265
Età : 27
Località : Civitella Benazzone
Data d'iscrizione : 24.10.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Eucarestia

Messaggio  Jacopo il Dom Giu 14, 2009 5:13 pm

avatar
Jacopo

Numero di messaggi : 265
Età : 27
Località : Civitella Benazzone
Data d'iscrizione : 24.10.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Domenica 14 Giugno 2009-Corpus Domini

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum